Ep1:Il saturimetro

Il saturimetro o pulsossimetro è un oggetto molto semplice che viene utilizzato spesso sia negli ospedali ma anche nelle case dei malati, nella vita di tutti i giorni.Il suo utilizzo non implica particolari doti ed è facile da adoperare.L’oggetto consta di una piccola tenaglia ,sonda, in cui al centro è possibile frapporre un dito qualunque della mano  del paziente.

Una volta acceso l’oggetto e posto l’oggetto in posizione, è possibile notare una serie di valori e di grafici:

  • E’ possibile misurare il battito cardiaco
  • E’ possibile misurare la frequenza cardiaca
  • E’ possibile misurare (per ogni battito) la saturazione dell’ossigeno molecolare presente nel sangue

La funzionalità e l’utilizzo ampio di tale strumento stanno soprattutto nella sua ultima funzione in cui è possibile notare entro precisi valori la saturazione del sangue nel paziente.E’ importante che l’ossigeno sia disposto all’interno di specifici range, tant’è che ove basso, il paziente potrebbe trovarsi in situazioni di ipossia o addirittura cianosi.

Come valutare la saturazione?

Una misurazione fisiologica della saturazione si attesta tra:

  • sopra il 96% sono considerati valori normali di O2;
  • tra il 95 e il 93% sono indicativi di possibili problemi di ossigenazione ovvero una parziale assenza dell’ossigeno (lieve ipossia);
  • tra il 92 e il 90% sono indicativi di ossigenazione insufficiente ed è consigliabile sottoporsi ad EGA;
  • al di sotto del 90% non sono fisiologici ed indicano una severa deficienza di ossigeno (grave ipossia), ove risulta importante sottoporsi ad una emogasanalisi.

Il valore di 100 misurato “in aria ambiente” (cioè senza somministrazione artificiale di ossigeno) può essere sintomo di iperventilazione, che può essere dovuta, per esempio, ad attacchi di panico. A volte anche valori intorno al 90% possono risultare normali: è il caso di persone affette dabroncopneumopatiecroniche costruttive(BPCO).

Per la realizzazione del video ringraziamo vivamente Guido Genovesi per la sua disponibilità e la sua professionalità

Vai alla barra degli strumenti