Ep2-Comunicare con un malato di SLA

Comunicare con un malato di SLA è una necessità sia per il malato che per chi lo assiste.La Sclerosi Laterale Amiotrofica, differentemente da altre malattie neuro-degenerative e muscolari, non danneggia la coscienza e le aree cerebrali relative al pensiero, alla memoria e alle capacità di comprendere e capire:la persona e la mente rimane intatta mentre il corpo la abbandona.Proprio per questo comunicare attraverso strumenti tecnologici come il puntatore oculare oppure utilizzando semplicemente un foglio dove vengono trascritte le lettere dell’alfabeto cercando, in base ai movimenti oculari, di costruire il concetto che il malato vuole comunicare, parola per parola.Sicuramente per quest’ultima modalità bisogna porre attenzione continua agli occhi del malato e imparare a conoscerne i movimenti palpebrali: migliora sicuramente con la conoscenza del malato e con l’esperienza.Ecco il video che spiega come fare:

Ringraziamo vivamente Alessandro Paci per la sua disponibilità

Vai alla barra degli strumenti